GRG GRUPPO RESURRECTION GARDEN

Sei qui:   HOME

HOME

 

 ______________________________________________

 Resurection Garden Kenya               Ottavio Santoro

  -----------------------------------------------

Abbiamo accolto la richiesta del Gruppo Scirawa a Kadongo (Kenia)di partecipare al progetto di un acquedotto.Con questo gruppo il GRG collabora già da tempo pagando le spese scolastiche a sedici ragazzi.

A fronte di un progetto del costo totale intorno ai ventimila euro,il GRG ha partecipato con cinquemila euro e questo video è la dimostrazione che i lavori sono cominciati scavando prima il pozzo trovando l’acqua e in seguito si farà la canalizzazione.

 

Dove non c’è acqua non c’è vita.



PRANZO DI OTTOBRE E CENA DI NOVEMBRE 2023 A CASTELNUOVO


 

NUOVI ARRIVI DI BIMBI CHE SPERANO DI ESSERE ADOTTATI 2023

AGGIUNTI OGGI 10 DICEMBRE 2023 N. 14

 


(CLICCA QUI PER INGRANDIRE)

(CLICCA QUI PER INGRANDIRE) 

 

________CLICCA QUI PER INGRANDIRE_______  

________CLICCA QUI PER INGRANDIRE_______  

 

-----------------------------------------------------------------------------------

 

NUOVE ADOZIONI MARZO 2022

 

100%

La nostra  Associazione  GRG Gruppo Resurrection Garden è nata nel 1991 da un’idea del Presidente Romolo Levoni.  Si  cominciò a lavorare, scegliendo di aiutare ibambini africani, tramite i Padri della “Consolata Missionaries” che operano in quelle terre sin dal lontano 1902. Dal 1999 siamo un’Associazione di Volontariato O.D.V regolarmente registrata. Abbiamo due sedi, una a Lama Mocogno ed una a Castelnuovo Rangone. Come riportato sui nostri dépliants “ Noi LAVORIAMO GRATUITAMENTE, Voi OFFRITE LIBERAMENTE. Il tutto va INTERAMENTE e DIRETTAMENTE a Loro”.Frequentiamo Fiere, Sagre e Manifestazioni, anche con il nostro mulino ad acqua offrendo prodotti esclusivi ma, soprattutto, proponendoadozioni a distanza. La nostra maggior forza e garanzia sono, in ogni caso, i Missionari della Consolata in Kenya, i quali offrono certezze ed esperienze davvero uniche.

Da vent’anni ripetiamo nei nostri dèpliants

Tutti i bambini debbono poter diventare Cittadini del mondo là nella loro terra.

 “ Continua presso la F.Y.U. e presso la  Mutuini Educational Centre il Progetto della Scuola di Computer,reso possibile grazie all’aiuto del G.R.G., come potete vedere nella sezione COSA FACCIAMO – COSA ABBIAMO FATTO di questo sito.Premesso che queste scuole sono aperte anche a ragazzi non sostenuti dal G.R.G. o attraverso adozioni,potete consultare i risultati della Scuola di computer nella sezione Pagelle

 

-------------------------------------------------------------------------------------

PER QUALSIASI INFORMAZIONE TELEFONARE A SOTERO TEL.3204386142 O VALTER TEL.3394043116 OPPURE NADIA TEL.3409022184

 -------------------------------------------------------------------------------------Carissimi amici

Le nuove quote sono queste : per l’asilo € 100,00 – per le scuole primarie la quota rimane invariata a € 160,00 – per la Famiglia Ya Ufariji € 280,00; abbiamo poi aggiunto una nuova quota da € 500,00, per chi volesse continuare a sostenere il ragazzo dopo le primarie e farlo proseguire negli studi, se ne ha le capacità : in Kenia  viene ammesso alle scuole superiori solo chi  raggiunge un certo punteggio alle primarie ed avendo anche  costi abbastanza elevati,  non tutti riescono ad accedere alle scuole superiori.La suddetta cifra,pur non coprendo l’intero costo scolastico, darebbe comunque al ragazzo ed alla famiglia un riguardevole aiuto 

-------------------------------------------------------------------------------------

________CLICCA QUI PER INGRANDIRE_______  

-------------------------------------------------------------------------------------

BASÒUN e S’CIAFÒUN

2014-12-15

Eilàaa… Bomgióren! O bonasìra, sl’è già basôra. Pomeriggio, per gli uomini “in lingua”.

 

Dô nutézi c’aiavrî lêt anch vuèter mo sicóme l’è una ròba da gnìint, fórse àn g’avrî brisa fat ches  (due notizie che anche voi avrete letto ma poiché sono cose di poco conto, forse non vi avrete fatto caso). Óna, la gìva: “ragazza apre servizio professionale di coccole”. Cl’etra, l’éra: “camera della rabbia: un antidoto per lo stress”. E àl m’è sembrê ùn argomèint adàt per descàrren àl bar, cùn Piròun. E lè as’è fat sàtta (si sono avvicinati) Armandèin e ànch di èter.

            Mo toh… mo-va-là…mè àt dégh che a-al dè d’incô ìn san menga piò cusa inventèr per fèr di sold…dice subito Piròun.

            Armandèin: attinente osservazione, direi capilàre… laonde, quantunque, investe una sféra estenziale del modo di vivere contingente…

            Piròun: mo làsa stèr… cùn tóta la tô prosopopèa…

            A vrév dir, però, (aggiunge Momo) per chi àn-là ménga lêt, ch la ragàza ech fa èl còcli (coccole), i simitòun (moine)…l’è in una cambravideosorvegliata e l’è proibî cavères zò (spogliarsi) e l’approccio è assolutamente platònico…( àl prézi, in dollari, perché chè a sàm in America, l’è d’ un dollaro àl minût)  mèinter “la cambra ed la ràbia” l’è pina ed roba da ròumper ànch cùn di martê, di stangàt, di manarèin…   chi ti dan lór e in dàl prézi cunbinê préma c’lè, normalmèint, ed treintazìnch euro l’ora (il prezzo “normale” è di trentacinque euro l’ora). E lè et pô taièr, scuzèr, sbraghèr quàl che’t vô…E, sèimper pagànd, it fan anch un film ed quàl che’t fê…

            Mo tes… mo-va-là… a dis Piròun. Mo…mè àgh farév paghèr anch dèl bèli tas (io gli farei pagare delle forti tasse) a chi ròump tóta cla roba lè cla prév servìr a un quèch puvràt  E se po’-l’à tanta vóia ed fer fadiga, àl prév andèr a spachèr dla lègna o a vanghèr l’ort d’un quechidùn èch’n-à bisègn. Da lavurèr, gratis, se’t vô, t’in tróv… E achsè et risparmiarév di sold e magari et prév anch bàvver un bòun biciér ed vèin!

            Mè a capéss depiò cl’americana lè, c’la te stràggia (striglia), la’t còcla, la’t còunta dél fótti e via…Forse l’è méi quàla lè che un’inferméra cla’t fa una puntura o ed to muiéra cla’t fa una camoméla…Che se po’ agh duvés scapèr ‘na man un pô piò in bas… a prév éser un’òpra santa…

            Ecco… del volt… in famìa… cùn la muiéra…às prév anch pasèr, magari per gelosìa, da-i-basòun a-i s’ciafòun. Àn n’è brisa un bel quèl però a prèv capitèr…Una volta, quànd aiéren un pô piò rud, piò róstegh …a capiteva. Agh’éra anch un proverbi c’al giva “amór sèinza baróffa àl fa la móffa”…  

             E mè a cràd che a prév sucéder anch a-àl dè d’incô cùn la diferèinza, forse, che ‘na volta a psìva vulèr ùn s’ciàf mèinter incô a vóla di curtê o del palòtol…Mo préma, às tratarév sèimper ed màttres d’acord su la parola “amor”che spàss la cambia a secànd di mumèint e… dl’etê…

            Di mumèint lofi (non buoni) in dla vétta a ghe n’è stê e-agh-in-srà sèimper, mo i vàn risòlt lè, sèinza spésa… in famìa. E tgnàmm’s-in-mèint quàl c’a s’à dét cla gràn persouna e noster Pepa c’àl s’ciama Francesco. E, per rispèt, àl fagh in dialàtt.

            Àn-n’andèr brisa sèimper d’acord… ànch litighèr… in famìa, l’è un quèl normèl. Anch… ròumper un quech piât… Ma la cosa importànt l’è dmandèr scusa e, préma d’andèr a let, avér fat la pes.

            Piò d’achsè! … Cùsa psàmia dir?

            Grazie Francesco. Grazie Piròun

 
Powered by CMSimpleRealBlog

GRG Onlus - Iscr. Reg. Volontariato di Modena Det. n. 183 del 18/10/1999 - CF 92014000365 Realizzazione sito web da V.Milani-M.Bonetti con il sostegno del Centro Servizi per il Volontariato di Modena

Powered by CMSimple | Template by CMSimple | Login