GRG GRUPPO RESURRECTION GARDEN

Sei qui:   HOME

HOME

 

 ______________________________________________

 Resurection Garden Kenya               Ottavio Santoro

  -----------------------------------------------

Abbiamo accolto la richiesta del Gruppo Scirawa a Kadongo (Kenia)di partecipare al progetto di un acquedotto.Con questo gruppo il GRG collabora già da tempo pagando le spese scolastiche a sedici ragazzi.

A fronte di un progetto del costo totale intorno ai ventimila euro,il GRG ha partecipato con cinquemila euro e questo video è la dimostrazione che i lavori sono cominciati scavando prima il pozzo trovando l’acqua e in seguito si farà la canalizzazione.

 

Dove non c’è acqua non c’è vita.



PRANZO DI OTTOBRE E CENA DI NOVEMBRE 2023 A CASTELNUOVO


 

NUOVI ARRIVI DI BIMBI CHE SPERANO DI ESSERE ADOTTATI 2023

AGGIUNTI OGGI 10 DICEMBRE 2023 N. 14

 


(CLICCA QUI PER INGRANDIRE)

(CLICCA QUI PER INGRANDIRE) 

 

________CLICCA QUI PER INGRANDIRE_______  

________CLICCA QUI PER INGRANDIRE_______  

 

-----------------------------------------------------------------------------------

 

NUOVE ADOZIONI MARZO 2022

 

100%

La nostra  Associazione  GRG Gruppo Resurrection Garden è nata nel 1991 da un’idea del Presidente Romolo Levoni.  Si  cominciò a lavorare, scegliendo di aiutare ibambini africani, tramite i Padri della “Consolata Missionaries” che operano in quelle terre sin dal lontano 1902. Dal 1999 siamo un’Associazione di Volontariato O.D.V regolarmente registrata. Abbiamo due sedi, una a Lama Mocogno ed una a Castelnuovo Rangone. Come riportato sui nostri dépliants “ Noi LAVORIAMO GRATUITAMENTE, Voi OFFRITE LIBERAMENTE. Il tutto va INTERAMENTE e DIRETTAMENTE a Loro”.Frequentiamo Fiere, Sagre e Manifestazioni, anche con il nostro mulino ad acqua offrendo prodotti esclusivi ma, soprattutto, proponendoadozioni a distanza. La nostra maggior forza e garanzia sono, in ogni caso, i Missionari della Consolata in Kenya, i quali offrono certezze ed esperienze davvero uniche.

Da vent’anni ripetiamo nei nostri dèpliants

Tutti i bambini debbono poter diventare Cittadini del mondo là nella loro terra.

 “ Continua presso la F.Y.U. e presso la  Mutuini Educational Centre il Progetto della Scuola di Computer,reso possibile grazie all’aiuto del G.R.G., come potete vedere nella sezione COSA FACCIAMO – COSA ABBIAMO FATTO di questo sito.Premesso che queste scuole sono aperte anche a ragazzi non sostenuti dal G.R.G. o attraverso adozioni,potete consultare i risultati della Scuola di computer nella sezione Pagelle

 

-------------------------------------------------------------------------------------

PER QUALSIASI INFORMAZIONE TELEFONARE A SOTERO TEL.3204386142 O VALTER TEL.3394043116 OPPURE NADIA TEL.3409022184

 -------------------------------------------------------------------------------------Carissimi amici

Le nuove quote sono queste : per l’asilo € 100,00 – per le scuole primarie la quota rimane invariata a € 160,00 – per la Famiglia Ya Ufariji € 280,00; abbiamo poi aggiunto una nuova quota da € 500,00, per chi volesse continuare a sostenere il ragazzo dopo le primarie e farlo proseguire negli studi, se ne ha le capacità : in Kenia  viene ammesso alle scuole superiori solo chi  raggiunge un certo punteggio alle primarie ed avendo anche  costi abbastanza elevati,  non tutti riescono ad accedere alle scuole superiori.La suddetta cifra,pur non coprendo l’intero costo scolastico, darebbe comunque al ragazzo ed alla famiglia un riguardevole aiuto 

-------------------------------------------------------------------------------------

________CLICCA QUI PER INGRANDIRE_______  

-------------------------------------------------------------------------------------

DA'I!...FRANCESCO

2013-06-01

Eilàaa… bongióren! O bonasìra s’lè già basôra. Pomeriggio, per gli uomini in lingua.

Dài! Francesco… Così ha urlato Piròun c’àl pasèva in biciclàta davanti a-al Bar.

Poi, visto che stavo lì seduto a un tavolinetto con a fianco, in piedi, Armandèin, ha invertito la lenta marcia facendo perno con la sua bici su un piede a terra. Ed eccolo qui con un robusto “eilà!… Cùsa cumbinèv chè vueter du…

A dégh tè, faccio io. Cosa intendevi dire con quell’urlo sguaiato?! Con chi ce l’avevi?

Eh… àl so mè… àl sò mè… Iv menga fat chès c’a s’è vultê anch àl Caplàn?

No, dico io. Ma per caso ti riferivi a Papa Francesco? E lui: beh, cùn rispèt parlànd, sé!

Eh nò, caro Piròun. Alòra tè te’t màt chè a séder ch’in descuràm!

E poiché le sedie erano due, Armandèin, il saccente maccheronico da Caffè, accenna ad allontanarsi. No, no, dico io, la prego, resti pure (e, secànd mè, àl s’è dê n’ argiulida clè chersû ‘na spàna!). Perché… vedete… io capisco il vostro stupore, il vostro entusiasmo per i modi, il carisma di questo Nuovo Pontefice ma … quèl “dài” lo ritengo sconvenientemente confidenziale e fuori luogo. Ma poi: dài a cosa?… Dài a chi?…

E’ certamente giusto questo suo appiglio, dice quasi con sussiego Armandèin, e penso che Pirone sia stato anch’egli colpito dalla esemplificabilità di questo nuovo Pastor Omnibus.

Stê a sèinter, vuèter du, év siv més a descarèr difìcil? Am pèr d’éser turnê a quànd i gìven la Màsa in latèin e àn segh capiva un’ostia! Invece mè, Francesco, àl Pepa, àl capès! E come mè tót qui c’a ghè in Piàza e in strèda lè a San Péder e che préma in g’andeven brisa!… E ànch a mezdè, per esempi, in dàl bar chi àn impiê la televisiòun per l’Angelo e tór la bendiziòun. Mo ‘gh gìv bavéla?! Te vést anca tè, Armandèin, quànd àl fermeva la Pappamobile per cambièr àl so berciól cùn quàl d’ un ragazól… e pò andèr a sbasuclèr tót chi putèin e tót chi malê che mai nisùn ha vlû tuchèr… E po’… mè a dégh “dài” quànd àl dis che el Sóri àn dèven brisa éser zitèli… e quànd àl dis che la politica la pèinsa sol a la finanza e a-al banchi e brisa a chi mór ed fam…

Piròun l’è scatenê! Àn nàl ferma piò nisùn Àl gà i oc fóra da la tèsta chi guèrden a meza via fra tè e àl vultòun dàl pordegh… Po’, àl ciàpa la sô spicciola e a testa-bàs, bruntlànd come àl tròun, àl fa soquànt pas e po’ àl s’ ferma. Si gira,… poi, trasfigurato, a testa alta, sguardo fiero e tono solenne dichiara: S’lè vera che Gesò Crést l’è stê un rivoluzionàri, chelò àl‘s g’arvisa!

E se ne và. Armandèin resta per un paio di minuti ammutolito poi sentenzia: in sostanza ritengo che Pirone, pur difettando dell’eloquio consonante l’argomento, sia stato all’altezza del problema enunciando che i preti debbono essere poveri quantunque questo possa significare non aver più preti.

Non so lei… ma io, per il momento, sono per una conclusione non conclusiva…

Proprio così: un’italica conclusione dove Armandèin potrebbe ben figurare in certi salotti significati da questo grande, lungimirante e roccioso Vicario mentre il nostro Piròun potrebbe scambiare con lui il copricapo.<

 
Powered by CMSimpleRealBlog

GRG Onlus - Iscr. Reg. Volontariato di Modena Det. n. 183 del 18/10/1999 - CF 92014000365 Realizzazione sito web da V.Milani-M.Bonetti con il sostegno del Centro Servizi per il Volontariato di Modena

Powered by CMSimple | Template by CMSimple | Login