GRG GRUPPO RESURRECTION GARDEN

Sei qui:   HOME

HOME

 

 ______________________________________________

 Resurection Garden Kenya               Ottavio Santoro

________CLICCA QUI PER INGRANDIRE_______  

 

-----------------------------------------------------------------------------------

Cena GRG 3 dicembre 2022

 

Sabato 3 dicembre, alle ore 20, in occasione delle iniziative per la Festa del Superzampone di Castelnuovo, il Gruppo Resurrection Garden-GRG vi aspetta all’Oratorio parrocchiale di Castelnuovo Rangone per una cena a base di polenta con ragù, e/o zampone e cotechino con fagioli. La cena si svolgerà dentro una tensostruttura riscaldata. Tutto il ricavato sarà destinato ad aiuti per bambini e famiglie da soccorrere a Nairobi in Kenya. 

Prima dell’inizio della cena, alle 18,30, sarà presentato il Calendario di Castelnuovo Rangone 2023, giunto alla ventesima edizione. Saranno proiettate le fotografie del Calendario insieme a tante altre di Castelnuovo. Ricorderemo ancora una volta Romolo Levoni, fondatore del GRG, e altri amici, come “àl Gabìan” Ermes Rinaldi. 

Vi propongo un libro scritto da Romolo Levoni nel 1981“mo…Coiózzi. Ricordi e considerazioni in rima e non.” È stato il suo secondo libro, tutto scritto in dialetto modenese, e contiene, tra l’altro, un bellissimo ricordo del Cinema e dei Veglioni degli anni prima della guerra che si svolgevano nella Sala Verdiana, che poi divenne il “Cinema Verdi”. Chi non l’avesse acquistato, potrà farlo sabato sera, oppure domenica 4 dicembre nel mercatino che si svolgerà per le vie del centro di Castelnuovo.

Nel libro ci sono anche alcune caricature di persone conosciute da Romolo. Vi propongo: Tògh’n emàtghen, un butghèr c’al druveva àl palàg dês volt per fèr àl pés”; eTarôl, un c’al vindiva i mobìl antîgh.”

  


NUOVE ADOZIONI MARZO 2022

 

100%

La nostra  Associazione  GRG Gruppo Resurrection Garden è nata nel 1991 da un’idea del Presidente Romolo Levoni.  Si  cominciò a lavorare, scegliendo di aiutare ibambini africani, tramite i Padri della “Consolata Missionaries” che operano in quelle terre sin dal lontano 1902. Dal 1999 siamo un’Associazione di Volontariato O.N.L.U.S. regolarmente registrata. Abbiamo due sedi, una a Lama Mocogno ed una a Castelnuovo Rangone. Come riportato sui nostri dépliants “ Noi LAVORIAMO GRATUITAMENTE, Voi OFFRITE LIBERAMENTE. Il tutto va INTERAMENTE e DIRETTAMENTE a Loro”.Frequentiamo Fiere, Sagre e Manifestazioni, anche con il nostro mulino ad acqua offrendo prodotti esclusivi ma, soprattutto, proponendoadozioni a distanza. La nostra maggior forza e garanzia sono, in ogni caso, i Missionari della Consolata in Kenya, i quali offrono certezze ed esperienze davvero uniche.

Da vent’anni ripetiamo nei nostri dèpliants

Tutti i bambini debbono poter diventare Cittadini del mondo là nella loro terra.

 “ Continua presso la F.Y.U. e presso la  Mutuini Educational Centre il Progetto della Scuola di Computer,reso possibile grazie all’aiuto del G.R.G., come potete vedere nella sezione COSA FACCIAMO – COSA ABBIAMO FATTO di questo sito.Premesso che queste scuole sono aperte anche a ragazzi non sostenuti dal G.R.G. o attraverso adozioni,potete consultare i risultati della Scuola di computer nella sezione Pagelle

Ringraziamo di cuore  la compagnia teatrale  SANGUE MISTO per aver pensato a noi devolvendo  l’incasso delle due recite del 22 e 23 Ottobre a favore della nostra associazione ,

gesto di grande  generosita’e vicinanza

-------------------------------------------------------------------------------------

PER QUALSIASI INFORMAZIONE TELEFONARE A SOTERO TEL.3204386142 O VALTER TEL.3394043116 OPPURE NADIA TEL.3409022184

 -------------------------------------------------------------------------------------Carissimi amici

Le nuove quote sono queste : per l’asilo € 100,00 – per le scuole primarie la quota rimane invariata a € 160,00 – per la Famiglia Ya Ufariji € 280,00; abbiamo poi aggiunto una nuova quota da € 500,00, per chi volesse continuare a sostenere il ragazzo dopo le primarie e farlo proseguire negli studi, se ne ha le capacità : in Kenia  viene ammesso alle scuole superiori solo chi  raggiunge un certo punteggio alle primarie ed avendo anche  costi abbastanza elevati,  non tutti riescono ad accedere alle scuole superiori.La suddetta cifra,pur non coprendo l’intero costo scolastico, darebbe comunque al ragazzo ed alla famiglia un riguardevole aiuto 

-------------------------------------------------------------------------------------------

RISTORANTE MONTEBUONI - TAVERNUZZE FIRENZE

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

Lama Mocogno 19/03/20

Chiediamo scusa se a chi ha pagato il rinnovo dell’adozione o, a chi ha fatto delle offerte non gli arriverà subito la ricevuta,ma per i motivi che tutti ben sappiamo,non possiamo raggiungere la sede in Via Scoltenna.

Per eventuali urgenze,ci potete contattare ai seguenti numeri di telefono : Sotero 3204386142---Walter 3394043116

Abbiamo inoltre deciso di contribuire come Associazione alla raccolta fondi per combattere questa pandemia e abbiamo destinato  per la Protezione Civile Regionale € 1000,00 e  € 500,00 alla Croce Verde / Avap di Pavullo,per l’acquisto di apparecchiature per l’Ospedale locale.

                         Il Presidente

                        Sotero Marasti

--------------------------------------------------------------------------------------


Lama Mocogno 17/03/20

<p

Ghèrèghèra (Raganèla)

2014-04-25

Ghéréghéra (Raganèla)

Postato in Senza categoria il 21 aprile, 2014

Eilàaa… Bongióren! O bonasìra s’lè già basôra. Pomeriggio, per gli uomini “in lingua”.

 

            La stmàna pasèda, sabato scorso,  agò avû ùn atàch ed nostalgia per via dèl campàn. Beh: ‘sta stmàna àgh dàgh dèinter e, come conseguèinza naturèl aiò pensê a dmàn, ch’lè Pasqua. (La settimana scorsa, le campane, questa: Pasqua).

Àn ghè gnint ed piò alégher; àn ghè gnint ed piò bel: da sèimper! Dìn-dòn-dàn!!! L’è finî la quarésma, l’è finî la stmàna ‘d passiòun… a psàm turnèr a balèr… a sunèr… a cantèr… Basta penitèinza… basta dzùn (digiuno)… Dmàn(domani) turtlèin còl bròd ed capòun  (tortellini col brodo di cappone)… E tót, mo propria tót, a dir “bona Pasqua”…  E anch, cùm’às fèva-alóra, cùn èl cartulèini. Chèl bèli cartulèini colorèdi cùn i fiór ràss, zài, vérd, blò… e àl rundanèini, i pulsèin (pulcini) zài, èl clòmbi bianchi… èl campàn…cól noti musichèl…

            E c’è ancora e ci sarebbe ben altro da dire. Soprattutto la felicità, quella intima., inesprimibile se non col sorriso, con la pelle d’oca per i profumi che la primavera mischiava nell’aria, per i desideri che il vestitino attillato delle ragazzine sembravano consentire per la gioia della Resurrezione che aveva ricacciato nell’armadio il cappotto scuro e il vestito nero.

Insomma: l’infallibile modo di dire, recitava: “cuntèint come ‘na Pasqua”!

Ed ecco Piròun che incalza:  nuèter, la stmàna santa, a la ciamèven “la stmàna dàl dzùn”  (la settimana del digiuno)  che i noster vêc i l’arcmàndeven vluntêra(la raccomandavano volontieri)  per via dàl rispèrmi c’as feva in dàl magnèr…A la dmàndga, però, a se sfughèven: turtlèin (almeno du piàt), làss ed galèina, capòun, manz, òs cùn la midàla (osso buco), léngua, càvva … e po’ l’aròst, ed mànz od ànch ed cunéi o-ed galàt… radéc e patàch àl fóren e sèlsa cùn l’óv buiû, e anch, dèl volt, èl pulpàtt in dólz-in brósch. E po’ bensòun, e tórta ed marèin (amarene) méssi via a bagn-maria e bróschi da fer spadìr (allegare) i dèint. Dèl volt, ànch la tórta ed taiadèl (torta di taglioline).  E po’… gnànch da dir… l’óv ed Pasqua,  gròs achsè (e apre a ragguardevole distanza il pollice e l’indice di entrambe le mani) c’a purtèva me ziìna (mia zia) Clélia da Modna.

            Àl venerdè sant,, in Paés, agh’éra la purcisiòun (processione) cùn la banda c’la sunèva da mort e la lus l’era sól quàla di lumèin del fnèstri(processione con la banda a suoni cupi e grevi mentre le uniche luci erano i lumini alle finestre). Dàl giuvidè a-al sàbet ag’era anch lighê èl campàn e per sostituirli agh’era àl campanèr in gir cùn la tampérla (tavola di legno con due impugnature in alto e due ferri girevoli, uno davanti ed uno dietro che, manovrati, producevano forte rumore).Tót intorna, nuèter ragàz cùn la ghéréghéra (raganella) c’a fèv’n a gara a chi la prilèva depiò. Am’arcòrd anch tóti èl butéghi adubèdi e  inluminèdi, specialmèint quìli di mazlèr (botteghe illuminate e addobbate, specie quelle dei macellai) cùn degli amzèini ed bô mai vést e immèz a frasch e limòun, pégher, chevri, tôch, nàder, faravòun ed ogni ràza d’animê tót pròunt da magnèr.  Sé. L’éra propria Pasqua dop che sàbet, vérs-agli-óndes, as’éren bagnê i-òc.

            Ma po’, ànch i vestî (anche i vestiti). L’éra tradiziòun che bisgnìva spianèr (rinnovare o incignare) quèl: du calzàt, ‘na camisa, do schèrp… i piò puvràt, anch sól ùn fazulàt da nês… Chi psìva, però, àl spianèva àl cóo’d pàgn(muta d’abiti). L’era ùn quèl ech purteva furtuna…mo… in definitiva, chi spianeva l’era un da sold!

            E… ti ricordi, Piròun, l’agnello pasquale? Quando il primo battezzato dopo Pasqua doveva regalare al Parroco un agnellino?

Eterchè! I mê (familiari) im tgnén lè du més préma ed betzèrem (aspettarono due mesi prima di battezzarmi) fintànt c’a nassè àl fiól ed Ferari … Et sê… iéren i noster padròun e l’agnlèin  l’era un sô dirét… un nòster riguèrd…

            Questo, per chi non lo ha vissuto, era “un certo mondo”. Io e Piròun ve lo abbiamo, in minima parte,  raccontato. Un pretesto per augurarvi BUONA PASQUA.

 
Powered by CMSimpleRealBlog

GRG Onlus - Iscr. Reg. Volontariato di Modena Det. n. 183 del 18/10/1999 - CF 92014000365 Realizzazione sito web da V.Milani-M.Bonetti con il sostegno del Centro Servizi per il Volontariato di Modena

Powered by CMSimple | Template by CMSimple | Login