GRG GRUPPO RESURRECTION GARDEN

Sei qui:   HOME

HOME

 

 ______________________________________________

 Resurection Garden Kenya               Ottavio Santoro

  -----------------------------------------------

Abbiamo accolto la richiesta del Gruppo Scirawa a Kadongo (Kenia)di partecipare al progetto di un acquedotto.Con questo gruppo il GRG collabora già da tempo pagando le spese scolastiche a sedici ragazzi.

A fronte di un progetto del costo totale intorno ai ventimila euro,il GRG ha partecipato con cinquemila euro e questo video è la dimostrazione che i lavori sono cominciati scavando prima il pozzo trovando l’acqua e in seguito si farà la canalizzazione.

 

Dove non c’è acqua non c’è vita.



PRANZO DI OTTOBRE E CENA DI NOVEMBRE 2023 A CASTELNUOVO


 

NUOVI ARRIVI DI BIMBI CHE SPERANO DI ESSERE ADOTTATI 2023

AGGIUNTI OGGI 10 DICEMBRE 2023 N. 14

 


(CLICCA QUI PER INGRANDIRE)

(CLICCA QUI PER INGRANDIRE) 

 

________CLICCA QUI PER INGRANDIRE_______  

________CLICCA QUI PER INGRANDIRE_______  

 

-----------------------------------------------------------------------------------

 

NUOVE ADOZIONI MARZO 2022

 

100%

La nostra  Associazione  GRG Gruppo Resurrection Garden è nata nel 1991 da un’idea del Presidente Romolo Levoni.  Si  cominciò a lavorare, scegliendo di aiutare ibambini africani, tramite i Padri della “Consolata Missionaries” che operano in quelle terre sin dal lontano 1902. Dal 1999 siamo un’Associazione di Volontariato O.D.V regolarmente registrata. Abbiamo due sedi, una a Lama Mocogno ed una a Castelnuovo Rangone. Come riportato sui nostri dépliants “ Noi LAVORIAMO GRATUITAMENTE, Voi OFFRITE LIBERAMENTE. Il tutto va INTERAMENTE e DIRETTAMENTE a Loro”.Frequentiamo Fiere, Sagre e Manifestazioni, anche con il nostro mulino ad acqua offrendo prodotti esclusivi ma, soprattutto, proponendoadozioni a distanza. La nostra maggior forza e garanzia sono, in ogni caso, i Missionari della Consolata in Kenya, i quali offrono certezze ed esperienze davvero uniche.

Da vent’anni ripetiamo nei nostri dèpliants

Tutti i bambini debbono poter diventare Cittadini del mondo là nella loro terra.

 “ Continua presso la F.Y.U. e presso la  Mutuini Educational Centre il Progetto della Scuola di Computer,reso possibile grazie all’aiuto del G.R.G., come potete vedere nella sezione COSA FACCIAMO – COSA ABBIAMO FATTO di questo sito.Premesso che queste scuole sono aperte anche a ragazzi non sostenuti dal G.R.G. o attraverso adozioni,potete consultare i risultati della Scuola di computer nella sezione Pagelle

 

-------------------------------------------------------------------------------------

PER QUALSIASI INFORMAZIONE TELEFONARE A SOTERO TEL.3204386142 O VALTER TEL.3394043116 OPPURE NADIA TEL.3409022184

 -------------------------------------------------------------------------------------Carissimi amici

Le nuove quote sono queste : per l’asilo € 100,00 – per le scuole primarie la quota rimane invariata a € 160,00 – per la Famiglia Ya Ufariji € 280,00; abbiamo poi aggiunto una nuova quota da € 500,00, per chi volesse continuare a sostenere il ragazzo dopo le primarie e farlo proseguire negli studi, se ne ha le capacità : in Kenia  viene ammesso alle scuole superiori solo chi  raggiunge un certo punteggio alle primarie ed avendo anche  costi abbastanza elevati,  non tutti riescono ad accedere alle scuole superiori.La suddetta cifra,pur non coprendo l’intero costo scolastico, darebbe comunque al ragazzo ed alla famiglia un riguardevole aiuto 

-------------------------------------------------------------------------------------

________CLICCA QUI PER INGRANDIRE_______  

-------------------------------------------------------------------------------------

MATRIMONI GAY

2013-06-12

Eilàaa… Bongioren! O bonasìra s’lè già basôra. Pomeriggio, per gli uomini “in lingua”

In Francia, i Ghèi, i pólen spusères uficialmèint mèinter, fin a-adès, i l’àn fat de scós. Come in

Italia! Mo, a nuèter, a s’è sèimper piesû fer finta ed gnint… come quànd agh’era i ambrós ch’i se

vdìven sól ed sìra e “i só quê” i-i fèven quànd la vècia l’era andèda a let o lór i-andeven dèint’r aun quèch purtòun, sàt a-i pòrdegh. Di Ghèi, però, a sembreva c’a ghin fós meno; almeno immèz aal popolìno perché in di sgnór o in dàl mèzi patài… àl problema àl psiva restèr in di palàz…

Un tempo, poi, era un argomento tabù, come “i brót mel” e ancora oggi lo è, forse, nei

piccoli centri. Per non parlare della Chiesa: mai guai! Un sègn ed crós… e via.

Oggi il Cardinàl Bagnasco, presidente della Cei, scrive ufficialmente “No al riconoscimento

dei matrimoni omosessuali” C’a vól po’ dir Gay e, ancàra méi, matrimoni fra àm e dàn ed la stàsa

fata. E àl dis anch che “ è un vulnus grave alla famiglia”. E secànd mè una frès achsè Papa

Francesco àn la dirà mai.

Comunque Piròun l’è bèle gnû a rògit (si è già presentato) e àl m’à dmandê cus-a vól dir.

Capirete… l’è ‘na paròla!… Vulnus, (ferita sanguinante) tanto per cominciare. Ma ciò che

mi sta a cuore è ascoltare Piròun e possibilmente aiutarlo a capire il problema. Speràm e… che Dio

àl s’là manda bòuna.

Caro Piròun et srê d’acòrd anca tè che du àm o dô dàn chi’sl’intànden fra ‘d lór lè un

problema véc come àl cóch ànch se brisa tànt in vóga a-i tó tèimp… P. Sé l’è véra, mo i éren fat chi

riguardèven sól lór du e un quèch eter braghér o depravê (scùsem la parola…) mo cusa gh’eintra

la famìa? M. La ghèintra perché, in Francia, du àm ièin dvintê marî e muiéra. P. e…chi éla la

muiéra? M. la srèv o l’un o l’eter, opure tót e du…P. e i fiô, chi-i farév? M. nisùn… i préven

adotèri… P. Opure cumprèri… a-al supermerchê… Mo dài, Momo, t’àn srê ménga dvintê mat!!!

E po’, a vói dir, anch nuèter a sàm dèl besti e mè àn n’ò mai vést du tòr o do vàch mattres insàm. E

Dio l’à fat Adamo e po’, cùn ‘na scàdsa, Eva: cl’era un quèl bèin divérs…Mo dài!… mo dài…

E poiché Piròun, incredulo, infastidito più che impaurito o disgustato se n’è andato

cavalcando la sua spicciola senza, io credo, molti pensieri, voglio brevemente interpretarlo,

imitarlo. Gnanch Armandèin àl capirév cus a vól dir che “non c’è bisogno di un istituto giuridico

perché l’assicurazione circa i desiderata… ecc.” e poi di “questa cultura che alimenta le

emozioni…” Piròun, in dialàt, àl dirév del parulàzi mo i-al capiréven tót. E tót i capireven cus-avól dir famìa o un’amicézia, o un amór, o un’uniòun basta’ch’sia.

In vlìv una próva? A ghè stê un cl’à insgnê a dir, in piàza, a ot miliòun d’italiàn, “vàf-fa-nculo” e l’è dvintê àl prém partî italiàn.

Scusèm tant. L’è, quasta, una bruntlèda fata a-la basôra. Una via ed mèz… al’italiana.
Un tempo, poi, era un argomento tabù, come “i brót mel” e ancora oggi lo è, forse, nei

piccoli centri. Per non parlare della Chiesa: mai guai! Un sègn ed crós… e via.

Oggi il Cardinàl Bagnasco, presidente della Cei, scrive ufficialmente “No al riconoscimento

dei matrimoni omosessuali” C’a vól po’ dir Gay e, ancàra méi, matrimoni fra àm e dàn ed la stàsa

fata. E àl dis anch che “ è un vulnus grave alla famiglia”. E secànd mè una frès achsè Papa

Francesco àn la dirà mai.

Comunque Piròun l’è bèle gnû a rògit (si è già presentato) e àl m’à dmandê cus-a vól dir.

Capirete… l’è ‘na paròla!… Vulnus, (ferita sanguinante) tanto per cominciare. Ma ciò che

mi sta a cuore è ascoltare Piròun e possibilmente aiutarlo a capire il problema. Speràm e… che Dio

àl s’là manda bòuna.

Caro Piròun et srê d’acòrd anca tè che du àm o dô dàn chi’sl’intànden fra ‘d lór lè un

problema véc come àl cóch ànch se brisa tànt in vóga a-i tó tèimp… P. Sé l’è véra, mo i éren fat chi

riguardèven sól lór du e un quèch eter braghér o depravê (scùsem la parola…) mo cusa gh’eintra

la famìa? M. La ghèintra perché, in Francia, du àm ièin dvintê marî e muiéra. P. e…chi éla la

muiéra? M. la srèv o l’un o l’eter, opure tót e du…P. e i fiô, chi-i farév? M. nisùn… i préven

adotèri… P. Opure cumprèri… a-al supermerchê… Mo dài, Momo, t’àn srê ménga dvintê mat!!!

E po’, a vói dir, anch nuèter a sàm dèl besti e mè àn n’ò mai vést du tòr o do vàch mattres insàm. E

Dio l’à fat Adamo e po’, cùn ‘na scàdsa, Eva: cl’era un quèl bèin divérs…Mo dài!… mo dài…

E poiché Piròun, incredulo, infastidito più che impaurito o disgustato se n’è andato

cavalcando la sua spicciola senza, io credo, molti pensieri, voglio brevemente interpretarlo,

imitarlo. Gnanch Armandèin àl capirév cus a vól dir che “non c’è bisogno di un istituto giuridico

perché l’assicurazione circa i desiderata… ecc.” e poi di “questa cultura che alimenta le

emozioni…” Piròun, in dialàt, àl dirév del parulàzi mo i-al capiréven tót. E tót i capireven cus-avól dir famìa o un’amicézia, o un amór, o un’uniòun basta’ch’sia.

In vlìv una próva? A ghè stê un cl’à insgnê a dir, in piàza, a ot miliòun d’italiàn, “vàf-fa-nculo” e l’è dvintê àl prém partî italiàn.

Scusèm tant. L’è, quasta, una bruntlèda fata a-la basôra. Una via ed mèz… al’italiana.

 
Powered by CMSimpleRealBlog

GRG Onlus - Iscr. Reg. Volontariato di Modena Det. n. 183 del 18/10/1999 - CF 92014000365 Realizzazione sito web da V.Milani-M.Bonetti con il sostegno del Centro Servizi per il Volontariato di Modena

Powered by CMSimple | Template by CMSimple | Login