GRG GRUPPO RESURRECTION GARDEN

Sei qui:   HOME

 

La nostra Associazione GRG Gruppo ResurrectionGarden è nata nel 1991 da un’idea del Presidente Romolo Levoni. Si cominciò a lavorare, scegliendo di aiutare ibambini africani, tramite i Padri della “Consolata Missionaries” che operano in quelle terre sin dal lontano 1902. Dal 1999 siamo un’Associazione di Volontariato O.N.L.U.S. regolarmente registrata. Abbiamo due sedi, una a Lama Mocogno ed una a Castelnuovo Rangone. Come riportato sui nostri dépliants “ Noi LAVORIAMO GRATUITAMENTE, Voi OFFRITE LIBERAMENTE. Il tutto va INTERAMENTE e DIRETTAMENTE a Loro”.Frequentiamo Fiere, Sagre e Manifestazioni, anche con il nostro mulino ad acqua offrendo prodotti esclusivi ma, soprattutto, proponendoadozioni a distanza. La nostra maggior forza e garanzia sono, in ogni caso, i Missionari della Consolata in Kenya, i quali offrono certezze ed esperienze davvero uniche.

Da vent’anni ripetiamo nei nostri dèpliants

Tutti i bambini debbono poter diventare Cittadini del mondo là nella loro terra.

---------------------------------------------------------------------------------------

PER QUALSIASI INFORMAZIONE TELEFONARE IL LUNEDI' E MARTEDI' POMERIGGIO ALLA SEDE G.R.G (0536-44576) E CHIEDERE DI NADIA 3409022184, OPPURE TEL.SOTERO 3204386142 O VALTER 3394043116

--------------------------------------------------------------------------------------

           

ABBIAMO INSERITO LA VOCE ARCHIVIO DOVE METTIAMO I VECCHI FILMATI TOLTI DALLA HOME PAGE, CHI FOSSE INTERESSATO A RIVEDERE UN VECCHIO FILMATO, BASTA ANDARE DENTRO ARCHIVIO, CLICCARE SU VECCHI FILMATI QUINDI FAR PARTIRE IL FILMATO INTERESSATO

---------------------------------------------------------------------------------------            ABBIAMO INSERITO LE PAGELLE

(LIST OF CHILDREN SPONSORED 2017)

---------------------------------------------------------------------------------------

Carissimo Sotero Marasti,

Carissimi Tutti del Gruppo Resurrection Garden,

Chi vi parla e’ Padre Marino Gemma, Missionario della Consolata. Cresciuto nella Parrocchia di San Francesco d'Assisi di Martina Franca, Taranto. Dopo le Scuole Medie, ha frequentato una Scuola Tecnica, conseguendo un Diploma in perito elettronico. Fatta una breve esperienza di lavoro, entra in Seminario a Bedizzole, Brescia, nel 1982. Per accedere agli studi   di Filosofia e Teologia, ha integrato, conseguendo  il diploma Magistrale, presso il Seminario Immacolata di Brescia. Dopo i cinque anni trascorsi a Brescia, eccolo ad Alpignano, Torino. A Torino frequenta per due anni gli studi di Filosofia. Dopodiché, arriva a Vittorio Veneto, Treviso, per un anno di Noviziato. Un anno speciale di preghiera, studio e conoscenza del carisma dell'Istituto Missioni Consolata. Al termine di questo anno, ha abbracciato i primi voti di povertà, castita' e obbedienza. Nel 1990 viene destinato in Kenya. Arrivato a Nairobi, per un anno, frequenta gli studi di Inglese. L'anno seguente inizio gli studi di Teologia al Tangaza College, Nairobi.

Il 17 Giugno del 1995, viene Ordinato Sacerdote, Missionario della Consolata, da Sua Eccellenza Mons. Luigi Papa a Martina Franca, Taranto. Dopo un breve periodo in Puglia, viene inviato in Kenya. Con le valigie ancora da disfare, e’ destinato, per ben sei mesi, in Tanzania. Esattamente a: Kipalapala, Tabora, per lo studio del Kiswahili. Al ritorno in Kenya, prima destinazione alla Parrocchia di Wamba, nel Nord del Paese. Dopo una permanenza di due anni, viene trasferito a Maralal e vi rimane per quattro anni e mezzo. Nel 2001 viene trasferito a Nairobi, Consolata Shrine, che conta oltre settemila anime. All'ombra del Campanile della Consolata c'è una Comunita' che vive nella Baraccopoli di Deap Sea e la Comunità di Kileleshwa, da qualche anno oramai Parrocchia. Qui rimane per ben nove anni. Nel 2010 e’ trasferito e destinato in Italia. Dopo più o meno quattro anni, tra cui circa un anno vissuto a Londra, viene inviato in Kenya, al Nord del Paese, esattamente a Marsabit. Al Maria Mfariji Shrine vi rimane per tre anni. Prima del ritorno in Italia,  per un periodo temporaneo, riceve la destinazione al Resurrection Garden, dove gli sono state attribuite , funzioni di Rettore, dopo la scomparsa del Fondatore P. Ottavio Santoro.  Sara’ sempre riconoscente, per tutto il bene compiuto, negli anni passati, per i tanti e tanti bambini aiutati da GRG.  Condividera’ con voi, il momento di preghiera  in occasione dell’anniversario della morte di Romolo, il 06.12, e la successiva commemorazione dell’ 8.12.  Con l’avvicinarsi del  Santo Natale, desidero esortarvi  a continuare a regalare  un sorriso come gesto d’amore. Buon Natale e Buon Anno 2018 a tutti voi e le vostre care Famiglie.

                                                                                  Vi Benedico

                                                                            P. Marino Gemma

---------------------------------------------------------------------------------------

 

ADOZIONI BAMBINI

 

 

“ Continua presso la F.Y.U. e presso la  Mutuini Educational Centre il Progetto della Scuola di Computer,reso possibile grazie all’aiuto del G.R.G., come potete vedere nella sezione COSA FACCIAMO – COSA ABBIAMO FATTO di questo sito.Premesso che queste scuole sono aperte anche a ragazzi non sostenuti dal G.R.G. o attraverso adozioni,potete consultare i risultati della Scuola di computer nella sezione Pagelle
 

 

-


numero totale articoli : 125
pagina : previous_img  19 / 21  next_img

LA PULPATTA FINTA

2013-08-12

 

Eilàaa… Bongióren! O bonasìra sl’è già basôra.  Pomeriggio, per gli  uomini “in lingua”.

Pubblicato su:http://levoni-modena.blogautore.repubblica.it/

Àgh sàm! Ci siamo! Dop àl DNA, la clonaziòun, i trapiànt, èl protesi… e tutti i “prodigi” e i veri progressi che la moderna Medicina, con lettera maiuscola, e ingegneria genetica  che la scienza  ha prodotto, lè arivê ànch la pulpàtta o bistàca, o hamburghèr artificièl. Alleluia! Da sempre, l’uomo, è alla ricerca della propria origine o, a volte, dell’imitazione del Creatore. Qui il problema sembra tuttavia essere diverso perché questa “carne artificiale” servirebbe  a salvare tanti bovini sacrificati negli allevamenti… Àl problema o, piotòst, i problèma ièin di-èter (sono altri) cùm a dis Piròun quànd a gò dê la nutézia. Intànt, secànd mè, l’è ‘na quistiòun ed sold. Aiavî dét chi-àn spés

BERTINOT

2013-08-07

 

Eilàaa… Bongioren! O  bonasira s’lè già basôra. Pomeriggio, per gli uomini “in lingua”.

Pubblicato su:http://levoni-modena.blogautore.repubblica.it/2013/08/07/bertinot/

Ah… ah…ah…ah… !!  Forse la risata più lunga e vigorosa che abbia mai inondato la piazzetta

davanti al Caffè. Era, manco a dirlo,  Piròun  il quale ha continuato a pedalare anche più

velocemente del solito compiendo altri due giri perimetrali della piazza stessa, ridendo a crepapelle.

Ed eccolo qui davanti a me e ad altri avventori del Bar seduto sulla sua spicciola con piede a

terra.

E alóra,  dico io,  cusa ghèt da sgnazèr (sghignazzare) e da smaniéret in cla manéra lè?!

Cus’è sucès?! E Piròun, chiudendo a fatica la bocca con la bava agli angoli, riesce a dire: quàsta…

sé, quasta… la gà àl màndegh! (questa ha il manico, ossia, è veramente grossa). E io: e cioè?

Recuperando ancora un po’ di fiato, mi dice: Bertinòt… Bertinòt… a m’à dét Armandèin che

Bertinòt, che mè a penseva c’àl fós bele andê a magnèr i radéc per la raìsa (fosse già morto),  l’à

scrét un artìcol sóv’r’àl Curér dla Sira criticànd Napoletano, al Cap dàl Stet, perché àn vól menga

 

L'AM MODEREN

2013-08-03

 

L’ÀM MODEREN : usa e getta.
Eilàaa… Bongioren! O bonasìra s’lè già basôra. Pomeriggio per gli uomini in lingua.
Le chè da un pô ‘d tèimp c’a sintàm di quê… di lavór (delle cose) …chi riguèrden la nostra véta, la
nostra pesòuna, la nostra esistèinza. A fàgh préma a cuntèrev i ultem.
I SENI (Èl tàtt).   La bella e avvenente Angelina Jolie decide di farsi asportare i propri seni
preoccupata per una grave e possibile (?!) malattia ereditaria.
LA PROSTATA.  Raccontano i medici che diversi uomini si rivolgono loro perché vorrebbero
asportare quella glandola perché, purtroppo, frequente causa di tumore.
SUICIDIO ASSISTITO.  Questo è l’ultimo arrivato e riguarda un signore di mezza età, cultura
medio-superiore, il quale avrebbe convinto molti medici di essere affetto da grave malattia tumorale
Lui, tutto solo, se n’è andato in Svizzera, dove si pratica il “suicidio assistito” e si è sottoposto a
quel “rito” che lo ha portato alla morte. Qualcuno ha voluto saperne di più. Risultato: quell’uomo
“non aveva nulla”!
Adès mè av’ho cuntê tót quàl c’a savìva.  E po’, almeno per una volta, aiò ciamê Piròun
c’àl m’à dét:
Beh. Et t’àl pô anch imaginèr cus’at pól dir un pover cuntadèin ignorànt. E po’… agh vól
poch… in’s’te mond fat al’arvérsa…
Mo… ecco… mè a dégh che èl dàn c’àn vólen piò el tàtt per via d’la malatia…àn li capés
brisa.  ‘Sa vól dir?!  Che se in dla mê famìa a ghè stê di problèma in di oc, in degli uràc… o sòia
mè…a mi duvrév cavèr? E po’… du bê oc, do bèli gamb, dó bèli tàtt… ièin stê di quê importànt per
zérti decisiòun… e si vìnen a manchèr per disgrazia… beh…et t’in pô fèr una ragiòun mo se, per
esèimpi, tè te’t  tàiés via un pê per paura de strabuchèr… a dirév che tê tàch in dàl zzervèl.
Quàla ed la prostata … cùn tót èl curi e àl medsèin c’a ghè adés…Per mè ièin di baléngo.
Chl’eter lè clè andê a murìr volontari in Sguésra mè… àgh guardarév dèinter… àn n’è
ménga un quèl normèl… lè, secànd mè… a ghè sàta quèl…O àl s’è fat visitèr da un quèch steriòun,
o tót i Dutór chi l’àn guardê iéren piò mat che lò!… eterchè!
Mè, cùm’at-avìva bèle dét, a sùn un pòver ignòto (ignorante) mo mè a dégh che… préma ed
cambièr la nostra natura che bèin o mel la s’à fat achsè e achsè la s’à chersû in mèz a-i-èter, a srà
méi c’agh pensàma.
E pò àt vói cuntèr quasta: mè aiò tgnusû un c’al s’ciamèva Narcìs (Narciso, quànd às dis àl
destino!)  cl’era brót come la fam mo l’è campê bèin tóta la véta!!
Grazie, Piròun.  Come a-al solit.

Eilàaa… Bongioren! O bonasìra s’lè già basôra. Pomeriggio per gli uomini in lingua.

Pubblicato su:http://levoni-modena.blogautore.repubblica.it/

Le chè da un pô ‘d tèimp c’a sintàm di quê… di lavór (delle cose) …chi riguèrden la nostra véta, la

nostra pesòuna, la nostra esistèinza. A fàgh préma a cuntèrev i ultem.

I SENI (Èl tàtt).   La bella e avvenente Angelina Jolie decide di farsi asportare i propri seni

preoccupata per una grave e possibile (?!) malattia ereditaria.

LA PROSTATA.  Raccontano i medici che diversi uomini si rivolgono loro perché vorrebbero

asportare quella glandola perché, purtroppo, frequente causa di tumore.

SUICIDIO ASSISTITO.  

LA PRESIA

2013-07-24

 

Eilàaa… bongióren!  O bonasira s’lè già basôra.  Pomeriggio, per gli uomini in lingua.

Pubblicato su:http://levoni-modena.blogautore.repubblica.it/

Fur-fur, dài-dài, córi-córi, sò-sò, dài dòunca! Queste, almeno per quanto ricordo , le

sollecitazioni dialettali in uso ai miei tempi. Sgagères significava affrettarsi, sbrigarsi. Forse la

frase più tipica e imperativa era: dài dòunca! Sgàget!

Lo si diceva perché, specie fra i “ragazzi di bottega”, i garzòun, si indulgeva spesso al

colloquio, àl ciàcher, àl partîd (fatti, curiosità, maldicenze, ecc.) se non proprio al dolce far niente.

 

I SPIOUN

2013-07-17

Eilàaa… Bongioren! O bonasira s’lè già basôra.  Pomeriggio, per gli uomini “in lingua”

Pubblicato su:http://levoni-modena.blogautore.repubblica.it/

Il fatto: Certo Edward Snowden da Washington sta spiando, per conto di una Agenzia americana, milioni di persone, almeno così sembra, in America e nel resto del mondo. Una crisi di coscienza (beàt chi’gh cràd…) lo porta in Russia (per sbàli? Mo va là…) dal cui Aeroporto chiede asilo politico a una ventina di Paesi fra cui l’Italia (e chè, probabilmèint, agh prév entrèr sol un puchèin la mafia, la coruziòun, ecétera…). 

LA STATUEINA

2013-07-08

Eilàa… Bongioren! O bonasìra s’lè già basôra. Pomeriggio, per gli uomini “in lingua”.

Publicato su:http://levoni-modena.blogautore.repubblica.it/

Àl fat. Il fatto: nel museo dell’Università di Manchester, una statuetta egizia di 25 centimetri, custodita in una vetrina blindata assieme ad altre due, si è girata su se stessa di 180 gradi esatti mostrando così … la schiena. Si tratterebbe di Neb-Senu, un personaggio o idolo di granito risalente al 1800 a.c. sistemato 80 anni fa con altre due figure pressoché identiche che mostravano viceversa “il davanti”.

numero totale articoli : 125
pagina : previous_img  19 / 21  next_img
Powered by CMSimpleRealBlog

GRG Onlus - Iscr. Reg. Volontariato di Modena Det. n. 183 del 18/10/1999 - CF 92014000365 Realizzazione sito web da V.Milani-M.Bonetti con il sostegno del Centro Servizi per il Volontariato di Modena

Powered by CMSimple | Template by CMSimple | Login