GRG GRUPPO RESURRECTION GARDEN

Sei qui:   HOME

 

La nostra Associazione GRG Gruppo ResurrectionGarden è nata nel 1991 da un’idea del Presidente Romolo Levoni. Si cominciò a lavorare, scegliendo di aiutare ibambini africani, tramite i Padri della “Consolata Missionaries” che operano in quelle terre sin dal lontano 1902. Dal 1999 siamo un’Associazione di Volontariato O.N.L.U.S. regolarmente registrata. Abbiamo due sedi, una a Lama Mocogno ed una a Castelnuovo Rangone. Come riportato sui nostri dépliants “ Noi LAVORIAMO GRATUITAMENTE, Voi OFFRITE LIBERAMENTE. Il tutto va INTERAMENTE e DIRETTAMENTE a Loro”.Frequentiamo Fiere, Sagre e Manifestazioni, anche con il nostro mulino ad acqua offrendo prodotti esclusivi ma, soprattutto, proponendoadozioni a distanza. La nostra maggior forza e garanzia sono, in ogni caso, i Missionari della Consolata in Kenya, i quali offrono certezze ed esperienze davvero uniche.

Da vent’anni ripetiamo nei nostri dèpliants

Tutti i bambini debbono poter diventare Cittadini del mondo là nella loro terra.

---------------------------------------------------------------------------------------

PER QUALSIASI INFORMAZIONE TELEFONARE IL LUNEDI' E MARTEDI' POMERIGGIO ALLA SEDE G.R.G (0536-44576) E CHIEDERE DI NADIA 3409022184, OPPURE TEL.SOTERO 3204386142 O VALTER 3394043116

--------------------------------------------------------------------------------------

           

ABBIAMO INSERITO LA VOCE ARCHIVIO DOVE METTIAMO I VECCHI FILMATI TOLTI DALLA HOME PAGE, CHI FOSSE INTERESSATO A RIVEDERE UN VECCHIO FILMATO, BASTA ANDARE DENTRO ARCHIVIO, CLICCARE SU VECCHI FILMATI QUINDI FAR PARTIRE IL FILMATO INTERESSATO

---------------------------------------------------------------------------------------            ABBIAMO INSERITO LE PAGELLE

(LIST OF CHILDREN SPONSORED 2017)

---------------------------------------------------------------------------------------

Carissimo Sotero Marasti,

Carissimi Tutti del Gruppo Resurrection Garden,

Chi vi parla e’ Padre Marino Gemma, Missionario della Consolata. Cresciuto nella Parrocchia di San Francesco d'Assisi di Martina Franca, Taranto. Dopo le Scuole Medie, ha frequentato una Scuola Tecnica, conseguendo un Diploma in perito elettronico. Fatta una breve esperienza di lavoro, entra in Seminario a Bedizzole, Brescia, nel 1982. Per accedere agli studi   di Filosofia e Teologia, ha integrato, conseguendo  il diploma Magistrale, presso il Seminario Immacolata di Brescia. Dopo i cinque anni trascorsi a Brescia, eccolo ad Alpignano, Torino. A Torino frequenta per due anni gli studi di Filosofia. Dopodiché, arriva a Vittorio Veneto, Treviso, per un anno di Noviziato. Un anno speciale di preghiera, studio e conoscenza del carisma dell'Istituto Missioni Consolata. Al termine di questo anno, ha abbracciato i primi voti di povertà, castita' e obbedienza. Nel 1990 viene destinato in Kenya. Arrivato a Nairobi, per un anno, frequenta gli studi di Inglese. L'anno seguente inizio gli studi di Teologia al Tangaza College, Nairobi.

Il 17 Giugno del 1995, viene Ordinato Sacerdote, Missionario della Consolata, da Sua Eccellenza Mons. Luigi Papa a Martina Franca, Taranto. Dopo un breve periodo in Puglia, viene inviato in Kenya. Con le valigie ancora da disfare, e’ destinato, per ben sei mesi, in Tanzania. Esattamente a: Kipalapala, Tabora, per lo studio del Kiswahili. Al ritorno in Kenya, prima destinazione alla Parrocchia di Wamba, nel Nord del Paese. Dopo una permanenza di due anni, viene trasferito a Maralal e vi rimane per quattro anni e mezzo. Nel 2001 viene trasferito a Nairobi, Consolata Shrine, che conta oltre settemila anime. All'ombra del Campanile della Consolata c'è una Comunita' che vive nella Baraccopoli di Deap Sea e la Comunità di Kileleshwa, da qualche anno oramai Parrocchia. Qui rimane per ben nove anni. Nel 2010 e’ trasferito e destinato in Italia. Dopo più o meno quattro anni, tra cui circa un anno vissuto a Londra, viene inviato in Kenya, al Nord del Paese, esattamente a Marsabit. Al Maria Mfariji Shrine vi rimane per tre anni. Prima del ritorno in Italia,  per un periodo temporaneo, riceve la destinazione al Resurrection Garden, dove gli sono state attribuite , funzioni di Rettore, dopo la scomparsa del Fondatore P. Ottavio Santoro.  Sara’ sempre riconoscente, per tutto il bene compiuto, negli anni passati, per i tanti e tanti bambini aiutati da GRG.  Condividera’ con voi, il momento di preghiera  in occasione dell’anniversario della morte di Romolo, il 06.12, e la successiva commemorazione dell’ 8.12.  Con l’avvicinarsi del  Santo Natale, desidero esortarvi  a continuare a regalare  un sorriso come gesto d’amore. Buon Natale e Buon Anno 2018 a tutti voi e le vostre care Famiglie.

                                                                                  Vi Benedico

                                                                            P. Marino Gemma

---------------------------------------------------------------------------------------

 

ADOZIONI BAMBINI

 

 

“ Continua presso la F.Y.U. e presso la  Mutuini Educational Centre il Progetto della Scuola di Computer,reso possibile grazie all’aiuto del G.R.G., come potete vedere nella sezione COSA FACCIAMO – COSA ABBIAMO FATTO di questo sito.Premesso che queste scuole sono aperte anche a ragazzi non sostenuti dal G.R.G. o attraverso adozioni,potete consultare i risultati della Scuola di computer nella sezione Pagelle
 

 

-


numero totale articoli : 125
pagina : previous_img  10 / 21  next_img

SABA E SAVOR

2014-09-05

 

Eilàaa… Bongióren! O bonasìra, sl’è già basôra. Pomeriggio, per gli uomini “in lingua”.

Pubblicato su:http://levoni-modena.blogautore.repubblica.it/

Come àl solit, descàrrer ed magnèr, per un mudnés, a vól dir tradiziòun che, per sòlit, àl và

bèin da Fiumèlb a Finèl ma, vlànd esagerèr, l’è divérs da famìa a famìa (la tradizione culinaria

modenese è genericamente simile sull’intero territorio provinciale anche se, allo stesso tempo, può

 

PULEINTA E CHELZAGAT

2014-08-26

Eilàaa… Bongióren! O bonasìra, sl’è già basôra. Pomeriggio, per gli uomini “in lingua”.

Pubblicato su:http://levoni-modena.blogautore.repubblica.it/

Dô mnèstri. In dàl sèins che la pulèinta l’è farèina ed furmintòun, cota, che po’, normalmèint, la va cundida; mèint’r-invece i chelzagàt l’è pulèinta che dop metê cotùra la ricév i fasô cùn àl so cundimèint  Àl gióren dop, o anch dop du o tri dè, tóti dô, tajedi a pcunzèin, eglièin bòuni anch fréti: specialmèint i chelzagàt… (sono due minestre, ma mentre la prima riceverà il condimento desiderato, la seconda contiene già il soffritto con i fagioli. Entrambe, poi,  specialmente i calciagatti, sono ottime se fritte a pezzettini).

 

AL VEIN

2014-08-16
Eilàaa… Bongióren! O bonasìra, sl’è già basôra. Pomeriggio, per gli uomini “in lingua”.

Pubblicato su:http://levoni-modena.blogautore.repubblica.it/

Ùn provérbi: “méi puzèr ed vèin che ed coiòun”

Con alcune varianti, è un inno “geminiano” al vino che è sempre Lambrusco:surbarés, grasparàsa o salamèin. Innumerevoli ed anche molto belli i libri pubblicati in proposito; così come le melodie, canzoni e musiche composte e realizzate. Dal vino generoso della Cavalleria Rusticana al brindisi della Traviata; dal barbera e champagne di Gaber ai tanti canti alpini.

 

 

FRITEL DE MNESTRA

2014-08-10

 

Eilàaa… Bongióren! O bonasìra, sl’è già basôra. Pomeriggio per gli uomini “in lingua.”

Pubblicato su:http://levoni-modena.blogautore.repubblica.it/

Ed roba fréta an-ho descórs divérsi volt mo questa s’l’àn n’è l’ultma… agh manca poch…

(di cose fritte ne ho già parlato diverse volte ma questa, se non è l’ultima… poco ci manca).

Àv zur però che el fritèl de mnèstra eglièin la cosa piò bòuna c’a se-gh sia: almeno secànd

 

AL BROD

2014-08-04

 

Eilàaa… Bongióren! O bonasìra, sl’è già basóra. Pomeriggio, per gli uomini “in lingua”.

Pubblicato su:http://levoni-modena.blogautore.repubblica.it/

​Basta dir brôd che’t sèint àl calór in dàl stàmegh (Basta dire brodo per sentire il calore nello stomaco). E, specie d’inverno, è un vero toccasana. Ma poi anche d’estate se dentro vi galleggiano i tortellini oppure i parpadlèin (quadrucci o quadretti) cùn i figadèin (frattaglie). E a proposito di Sua Maestà il tortellino, capita anche di trovarlo in ricette che fanno rabbrividire (come, ad esempio, la panna) ma anche non viene 

FASO' CUN EL CADEGH

2014-07-26

Eilàaa… Bongióren! O bonasìra, sl’è già basôra. Pomeriggio, per gli uomini “in lingua”.

Pubblicato su:http://levoni-modena.blogautore.repubblica.it/

I fasô, sicóme tót, chi piò e chi meno, a-i-avàm magnê, a savàm cus’i-èin e cus’i-fan dop ùn

svuiamèint ed panza…ièin anch stê ciamê “la cherna di puvràt” probabilmente nel senso

organolettico mo piò che èter perché i custèven meno ed la chèrna e i puvràt i psìven fèri gnìr sò

 

numero totale articoli : 125
pagina : previous_img  10 / 21  next_img
Powered by CMSimpleRealBlog

GRG Onlus - Iscr. Reg. Volontariato di Modena Det. n. 183 del 18/10/1999 - CF 92014000365 Realizzazione sito web da V.Milani-M.Bonetti con il sostegno del Centro Servizi per il Volontariato di Modena

Powered by CMSimple | Template by CMSimple | Login