GRG GRUPPO RESURRECTION GARDEN

Sei qui:   HOME

HOME

 

 ______________________________________________

 Resurection Garden Kenya               Ottavio Santoro

___________________________________________

 

                                        Iniziative G.R.G. 2022

 Dopo due anni di assenza,causa pandemia,eccoci pronti a ripartire.

In realtà abbiamo già fatto due uscite,partecipando a due mercati a Castelnuovo Rangone,facendo gnocco e crescentine con buoni risultati.

Il prossimo 21 maggio si pensava di andare,come ormai consuetudine a Firenze a pranzo dall’amico Emilio.Sempre per il problema pandemico,non si farà il solito pulman,ma ognuno si organizzerà per conto proprio.

Chi intende partecipare è pregato di confermare con congruo anticipo,in modo da poter organizzare al meglio la giornata.

Il 28 e 29 maggio saremo col banco in fiera a Castelnuovo,inoltre  Domenica 29 si farà il pranzo a mezzogiorno in collaborazione col Circolo Parrocchiale,presso i locali del circolo stesso aperto a tutti su prenotazione.

A metà giugno circa(la data non è ancora fissata) faremo la solita Festa della Maniatta.

Di solito veniva fatta a Lama Mocogno,ma non essendo ancora agibili i locali,anche quest’anno si farà a Castelnuovo.Aspettiamo la conferma da Padre Gigi,che come consuetudine celebrerà la Santa Messa e poi ci si troverà tutti all’Oratorio Parrocchiale per il pranzo,anche per questo è gradita la prenotazione attraverso i soliti referenti: Franco 3381751297-Claudia 3406609404- Sotero 3204386142-

Appena possibile comunicheremo la data della Festa della Maniatta.

Carissimi tutti

Vista la situazione che si è venuta a creare con la guerra Russia/Ucraina,anche il GRG ha pensato di dare un’aiuto a tutta questa povera gente Ucraina che scappa dalle zone di guerra.

Il nostro  piccolo aiuto,millecinquecento €, l’abbiamo destinato direttamente tramite “ Missioni Consolata”ad una parrocchia gestita da Padri della Consolata ai confini tra Ucraina e Polonia,alla quale molti si sono rivolti per chiedere aiuto ,alloggio e protezione.

La nostra offerta servirà per l’acquisto di generi di prima necessità.

Uniamoci tutti in preghiera insieme a Papa Francesco,perché abbia subito a finire questo massacro di vite umane.

 

NUOVE ADOZIONI MARZO 2022

 

100%

La nostra  Associazione  GRG Gruppo Resurrection Garden è nata nel 1991 da un’idea del Presidente Romolo Levoni.  Si  cominciò a lavorare, scegliendo di aiutare ibambini africani, tramite i Padri della “Consolata Missionaries” che operano in quelle terre sin dal lontano 1902. Dal 1999 siamo un’Associazione di Volontariato O.N.L.U.S. regolarmente registrata. Abbiamo due sedi, una a Lama Mocogno ed una a Castelnuovo Rangone. Come riportato sui nostri dépliants “ Noi LAVORIAMO GRATUITAMENTE, Voi OFFRITE LIBERAMENTE. Il tutto va INTERAMENTE e DIRETTAMENTE a Loro”.Frequentiamo Fiere, Sagre e Manifestazioni, anche con il nostro mulino ad acqua offrendo prodotti esclusivi ma, soprattutto, proponendoadozioni a distanza. La nostra maggior forza e garanzia sono, in ogni caso, i Missionari della Consolata in Kenya, i quali offrono certezze ed esperienze davvero uniche.

Da vent’anni ripetiamo nei nostri dèpliants

Tutti i bambini debbono poter diventare Cittadini del mondo là nella loro terra.

 “ Continua presso la F.Y.U. e presso la  Mutuini Educational Centre il Progetto della Scuola di Computer,reso possibile grazie all’aiuto del G.R.G., come potete vedere nella sezione COSA FACCIAMO – COSA ABBIAMO FATTO di questo sito.Premesso che queste scuole sono aperte anche a ragazzi non sostenuti dal G.R.G. o attraverso adozioni,potete consultare i risultati della Scuola di computer nella sezione Pagelle


 -------------------------------------------------------------------------------------

PER QUALSIASI INFORMAZIONE TELEFONARE A SOTERO TEL.3204386142 O VALTER TEL.3394043116 OPPURE NADIA TEL.3409022184

 -------------------------------------------------------------------------------------Carissimi amici

Le nuove quote sono queste : per l’asilo € 100,00 – per le scuole primarie la quota rimane invariata a € 160,00 – per la Famiglia Ya Ufariji € 280,00; abbiamo poi aggiunto una nuova quota da € 500,00, per chi volesse continuare a sostenere il ragazzo dopo le primarie e farlo proseguire negli studi, se ne ha le capacità : in Kenia  viene ammesso alle scuole superiori solo chi  raggiunge un certo punteggio alle primarie ed avendo anche  costi abbastanza elevati,  non tutti riescono ad accedere alle scuole superiori.La suddetta cifra,pur non coprendo l’intero costo scolastico, darebbe comunque al ragazzo ed alla famiglia un riguardevole aiuto 

-------------------------------------------------------------------------------------------

RISTORANTE MONTEBUONI - TAVERNUZZE FIRENZE

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

Lama Mocogno 19/03/20

Chiediamo scusa se a chi ha pagato il rinnovo dell’adozione o, a chi ha fatto delle offerte non gli arriverà subito la ricevuta,ma per i motivi che tutti ben sappiamo,non possiamo raggiungere la sede in Via Scoltenna.

Per eventuali urgenze,ci potete contattare ai seguenti numeri di telefono : Sotero 3204386142---Walter 3394043116

Abbiamo inoltre deciso di contribuire come Associazione alla raccolta fondi per combattere questa pandemia e abbiamo destinato  per la Protezione Civile Regionale € 1000,00 e  € 500,00 alla Croce Verde / Avap di Pavullo,per l’acquisto di apparecchiature per l’Ospedale locale.

                         Il Presidente

                        Sotero Marasti

--------------------------------------------------------------------------------------


Lama Mocogno 17/03/20

<p

ÀL SGNÓR PADRÒUN

2015-01-12
Eilàaa...Bomgióren! O bonasìra s’lè già basóra. Pomeriggio, per gli uomini “in lingua”.

Quànd aiéra un monèlo, in di paés ma po’ ànch in zitèe, la màssa degli-óndes l’è sèimper

stèda la piò importànt... del volt ànch “cantèda”. A cla massa lè, in pratica, ag’andèva sól èl

persòuni vistidi bèin o c’aglìaviven spianê (incignato) quech-cosa Cùn fiàcher o baruzèin adatê mo

sèimper tirê da un cavàl, ma piò che èter a pê o in biciclàtta, tót i sgnór o el mèzi patài (camicia

appena sotto la cintola, più economica di quella lunga) i andèven a cla màssa lè.

Michilòun l’ariveva anca lò in dàl nòster curtìl, in di Bóregh, perché la cà, in da ghe stèva

quàter famî in afétt l’éra sô (anche Michilòun giungeva nel cortile della casa di sua proprietà

affittata a quattro famiglie). L’Odiglia, cl’éra la piò furba dèl quàter rezdóri, l’aviva insgnê a

nuèter muclòun (ragazzini dal moccolo facile) cus-a-duviven fer.

Vérs-èl-dés, la vrìva la fnéstra ( e già l’udór dàl bròd l’éra ‘na festa) e po’: oohh...

ragazô... am’archmànd!... fe bèin amód... Ed era così che “quella sporca dozzina di monelli”

sospendevano i loro giochi, si pulivano le scarpe, is lavèven èl man e-al grógn (muso) sàt-a-la

pòumpa (pompa a mano per cavare acqua dal pozzo) e, a turno, quali “piccole vedette lombarde”, i

tgnìven d’oc la curva sóvra “la costa dèl Bassèini”.

L’è chè!... l’è chè!... l’è chè! ... E si affacciava anche, sorridente, la Signora Odiglia...

Il cavallo d’acciaio varcava un ipotetico cancello fra le colonne d’entrata e noi, monelli festanti e

quasi devoti pronunciavamo la fatidica frase: ...”Bongiórno ! Sgnór Padròun...”. Quasi un’armonia

corale. E Chico àl ciapèva stréch, immez a-al gamb, la róda davanti e Fredo quàla’d-drê e tót

chi-èter d’atórna a rédder sperànd ìn ‘na caramèla cl’àn-riveva mai... Sól quànd àl turneva da

la massa per tór la sô spicciola lusèinta che nuèter aiavìven bèin lustrê (avevamo ben lucidata)

l’andeva sò da la Sgnóra Odiglia per lasèregh un vintèin (venti centesimi) per nuèter e (a ghè chi

giva) un cavurèin (due lire) ànch... per lê...

Là! Quàst l’éra àl noster “sgnór padròun”. Ùn bòun umàz, a dégh mè.

Ma Piròun, che essendo stato mezzadro se ne intende, mi risponde con questo proverbio:

“di padròun e di mlòun sò zèint a-gh-n’è un bòun” (di padroni e di meloni su cento ce n’è uno

buono). Data la sua esperienza villica non posso ovviamente obiettare. Ma poi è lui che, come al

solito, entra nel tema.

Vàdet, Momo, a pèins et g’av ragiòun (penso che tu abbia ragione). A l’ò tgnusû anca mè

Michilòun e a pòs dir cl’era un galantàm... Però àl prév anch éser càl mlòun c’a giva mè...

In ogni modo, a ghè quàst da dir: ‘na volta i padròun iéren qui ech g’aviven di sold e ànch

ed la roba (una volta, i padroni erano coloro che avevano dei quattrini ed anche molti beni) e tót i-

àl savìven perché achsè iéren tgnusû e riverî. Ma po’, forse brisa tót, iéren anch bòun ed fer dàl

bèin c’àn vliva brisa dir sól limósna e per quàst iéren ciamê (detti) galantàmm, brèva gèint, ed côr.

E ti vdiv... e ti tgnusìv... in se scundìven menga.

Ades? I sold e la roba àn.nès-sa brisa ed chi la’s-sia. L’è tót in banca o al’Ester... Se a

Michilòun in’gh paghèven brisa l’afét perché iéren sèinza sold... àl spetèva... opure àl tulìva un ed

la famìa a lavurèr intant ed gnìr pèra... Adès? Ag-arìva un a cà, in cruvàta, cùn ùn fói in man e du

carabinér dedrê c’àl-gh dìs: ciàpa i tô stràz e và fóra dedchè! ...

E lò àl và-a-zerchèr ùn let... ed cartòun: Bona nòt, sgnór padròun!!

 
Powered by CMSimpleRealBlog

GRG Onlus - Iscr. Reg. Volontariato di Modena Det. n. 183 del 18/10/1999 - CF 92014000365 Realizzazione sito web da V.Milani-M.Bonetti con il sostegno del Centro Servizi per il Volontariato di Modena

Powered by CMSimple | Template by CMSimple | Login